Carnevale di Cirigliano "Corteo Mesi e Stagioni" - Informazioni

CARNEVALE "CORTEO MESI  E STAGIONI"

VEDI VIDEO

                                                                                                                                                                       

Il Carnevale ciriglianese viene celebrato gli ultimi tre giorni di Carnevale. La sfilata parte dal cortile antistante il cinquecentesco castello baronale per snodarsi fra le suggestive viuzze del centro storico, che nell’ora in cui scende la sera saranno illuminate dalla luce delle fiaccole, e dal baccano e dall’allegria del corteo di Carnevale. Davanti a tutti sfila Pulcinella con il suo campanaccio e con un grosso corno, che insieme ad un alto copricapo a cono caratterizzano il personaggio del carnevale. Lo seguono le 4 Stagioni, impersonate da 4 adolescenti che recitano un breve copione in versi. Capodanno apre il corteo dei mesi, egli infatti è il capo di tutti i mesi e cercherà di far valere la sua autorità anche con Pulcinella, dando vita ad un gustoso siparietto. Al suo fianco sfila Gennaio e dietro di loro, disposti in fila per due sfilano gli altri mesi, Dicembre non è accoppiato con nessuno ma è accompagnato dal gruppo folk, questo mese infatti ha il compito di aprire le danze alla fine di ogni recita. Chiude la sfilata un grottesco corteo funebre, dove un giovane molto esile, vestito elegante, con il volto imbiancato e con un pezzo di salsiccia fra le mani rappresenta Carnevale morto, il defunto è trasportato su una “fazzator” (tinozza in legno a forma di bara in cui un tempo si spelava il maiale) da 4 loschi figuri spesso recanti sulle loro vesti monocrome le insegne del vino che non sarà mai rifiutato durante tutta la sfilata. Il sarcastico rito funebre è officiato da un altrettanto sarcastico sacerdote che benedice la folla con acqua della fontana della piazza, lo assistono 2 chierichetti che portano l’acqua per le aspersioni ed un finto messale dal quale il prete recita finti salmi funebri in dialetto. Quaremma, la vedova vestita a lutto è impersonata da un uomo mascherato da anziana signora che porta un cesto contenente corone di aglio e serte di peperoni. Essa piange il defunto con urla strazianti e frasi che ricordano il marito, descrivendolo come un ubriacone poco di buono.

Il carnevale ciriglianese risale agli anni 1740-1750, si tratta di strofe scritte da un certo Giambattista Montano, un muratore che era solito esibirsi nel recitare poesie.  Vengono recitate durante la sfilata, e sono parte integrante della tradizione carnevalesca locale.

La Manifestazione si svolge gli ultimi tre giorni di Carnevale.

DATE 2021: in via eccezionale quest'anno, a causa dell'emergenza Covid 19, la manifestazione si svolgerà il 10 Agosto 2021 in modalità ridotta.

 

 

SCOPRIRE CIRIGLIANO 

Il piccolo borgo di Cirigliano si trova nella provincia di Matera, posto al centro di monti che lo racchiudono e che in passato avevano le funzioni di mura e torri. A pochi km dal Parco Avventura, l’antico borgo è posto tra il castello e la chiesa madre e presenta tracce archeologiche romane che riconducono a Cerellio, legionario da cui il paesino avrebbe preso il nome.

Il centro storico è totalmente fatto in pietra, dal castello ai palazzi, dalle case alle strade, fino alla piazza principale del paese. La pietra è estratta dalle sue cave ed è un’importante risorsa per l’artigianato locale. Nel punto più antico del paese si possono ammirare parte delle mura e il castello baronale, costruito nel 1593 sui resti di una precedente struttura di epoca tardo bizantina, con un’imponente Torre ellittica del XVI secolo. Da non perdere è la torre ovale, che svetta all’interno della corte, uno dei pochi esempi visibili in Europa. Di pregio sono gli altorilievi che adornano i beccatelli (piccole mensole) dei due balconcini che si affacciano sulla piazza.